Comitato Amici del Museo Alfa Romeo di Arese

sito in costruzione

Il vincolo è confermato

JavaScript not enabled.
Creative Commons di Ta7za

Il Museo Alfa Romeo di Arese, da martedì 1 febbraio, fa parte del patrimonio culturale collettivo.

La Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Lombardia, al termine dell’istruttoria avviata all’inizio di luglio, ha infatti confermato il vincolo.
Il risultato ottenuto è importante e lo si deve principalmente al sindaco di Arese Gianluigi Fornaro, che all’epoca aveva chiesto alla Soprintendenza l’adozione di un provvedimento di tutela intersettoriale dei beni, mobili e immobili, dalle auto all’archivio, agli stabili che le contengono.
Nessuno potrĂ  quindi alienare il patrimonio protetto, che dovrĂ  essere reso fruibile dal pubblico e per il quale il proprietario sarĂ  tenuto al rispetto degli obblighi connessi: conservazione, prevenzione, manutenzione e restauro. Il tutto sotto il controllo degli esperti della Soprintendenza.

Quanto ottenuto dobbiamo ora difenderlo, promuoverlo, valorizzarlo. Bene la soddisfazione, ma non è tempo di eccessivi festeggiamenti, semmai di positiva riflessione e rinnovato impegno costruttivo. Occorre cioè, da fedeli Alfisti ed Amici del Museo quali siamo, passare ad una fase propositiva, progettuale. In altre parole, abbiamo compiuto un passo, ma è un punto di inizio dopo il quale ci attende un cammino lungo e non facile.

La nostra proposta

L’idea che sottoponiamo all’attenzione dei Club e degli Alfisti è di aderire, tutti insieme, ad un’Associazione Amici del Museo Alfa Romeo di Arese. A tal proposito è stato costituito un Comitato promotore, che procederà a gestire la fase organizzativa dell’Associazione stessa. Non si tratta di contrapporci alla Fiat, bensì di far capire quali sono i nostri desideri e, nel frattempo, dichiarare la nostra disponibilità a collaborare alla gestione dell’attività della struttura. Diventerebbe per noi Alfisti la Casa Alfa, con la possibilità di non essere completamente estranei anche alla sua gestione.

E’ senza dubbio una sfida che dobbiamo accettare (proprio) in coerenza con quanto ci siamo sempre detti nei raduni, abbiamo discusso nei forum e blog, con il sentimento che proviamo al pensiero della casa del Biscione.